domenica 12 febbraio 2012

CROSTATA DI PANNA

Da ieri qui a Venezia soffia un vento forte e freddo che non ti fa venire nessuna voglia di uscire di casa!
Meglio starsene in cucina a preparare qualche cosa di buono!!!! 

Vi racconto l'avventura di ieri perchè merita!!!
Quando sono rientrata a casa per il pranzo, sapete chi ho trovato davanti al portone?????
Un meraviglioso.......PAVONE!!! In quel momento in strada eravamo solo noi due, ma da lì a poco col suono della campanella una miriade di studenti sarebbe uscita dalla vicina scuola e un sacco di macchine avrebbero intasato la strada......Il pavone, tranquillo, cammina avanti e indietro vicino alla strada, mentre io gli stavo dietro per indirizzarlo almeno verso la parte del giardino sul retro della casa. Intanto col cellulare ho cercato di chiamare un pronto intervento.......dopo aver spiegato che non era uno scherzo!!! hanno provveduto a mandare dei.......vigili con due macchine......che non hanno trovato nessuno perchè nel frattempo il pavone si era inoltrato nella parte del giardino che confina con altri spazi verdi!!!
Speriamo bene, non voglio nemmeno pensare che gli sia capitato qualcosa di brutto......

CROSTATA DI PANNA




Per la pasta frolla:
- 300 g di farina di riso "Zangirolami";
- 100 g di zucchero di canna "Waves of sugar"; 
- 150 g di burro; 
- 1 uovo; 
- sale; 
- la scorza di mezza arancia.

Per la farcia:
- panna cotta "Guerra";
- marmellata di fragole "Store Valtellina";
- topping ai frutti di bosco.




Per  preparare la pasta frolla: mescolate la farina setacciata, lo zucchero di canna, la scorza dell'arancia grattugiata e un pizzico di sale. 
Poi con la punta delle dita incorporate il burro freddo a pezzetti e  aggiungete un uovo (se necessario anche un po' di acqua). 
Lavorate velocemente l'impasto fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo, dopodiché formate un palla che avvolgerete con la pellicola e fatela riposare in frigorifero almeno 30 minuti.
Trascorso questo tempo stendete la pasta frolla sul fondo di uno stampo imburrato, bucherellatela e fatela cuocere in forno, coperta da un foglio di alluminio e cosparsa di una manciata di fagioli, a 180°C per 15 minuti, poi altri 5 minuti senza foglio di alluminio e fagioli.

Mettete la panna cotta in un tegame e fatela scaldare (senza portarla in ebollizione) mescolando con un frusta per eliminare i grumi. 
Lasciatela intiepidire.
Stendete un velo di marmellata sulla pasta frolla e poi versate la panna cotta.
Mettete in frigo e prima di servire la crostata decoratela con del topping ai frutti di bosco.


Con la pasta frolla avanzata ho preparato dei semplici biscottini a forma di gatto.




Con questa ricetta partecipo al contest "Creiamo con lo zucchero?" del blog "Creare con lo zucchero"



47 commenti:

  1. Ma che bella! mi piace proprio anche l'effetto cromatico! Nani

    RispondiElimina
  2. Proprio una bella "avventura". Immagino i sorrisetti che si sarnno fatti al pronto intervento quando hai racontato la storia del pavone...
    Non avevo mai pensato alla panna cotta dentro una crostata. Una bella idea, molto diversa dai modi soliti di presentare la panna cotta.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  3. Che bella ricetta, proverò anche questa!
    Scusa la curiosità... Ma che zona di Mestre è?? Un pavone... Ne ho visti di tutti i colori, ma un pavone ancora mi manca! :D

    RispondiElimina
  4. questa non la conoscevo, grazie, dev'essere golosissima!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  5. ... un pavone? si sara' disorientato per il vento che soffia da giorni... ma e' stato prima o dopo, delle tua crostata con la panna? perchè se fosse DOPO... il motivo dell'arrivo del pavone sarebbe chiarissimo.
    Un abbraccio ornella

    RispondiElimina
  6. Povero pavone, speriamo sia finito tutto bene!!
    Deliziosa la tua crostata con la panna cotta!! Mi hai dato un'idea!!
    Buon fine settimana!

    RispondiElimina
  7. che incontro allucinante...credo di non averlo mai visto in vita mia un pavone!
    la crostata sembra deliziosa...e lo stampino coi gattini è bellissimo! :D buon fine settimana!

    RispondiElimina
  8. Mi piace la tua creatività in cucina e i gattini sono stupendi:D
    Speriamo bene per il pavone....
    Bacini
    Sabry!!

    RispondiElimina
  9. Ciao Laura che bella idea questa crostata!Mi piacerebbe che partecipassi al mio primo contest sulle stagioni! Ti aspetto. A presto! www.dolciarmonie.blogspot.com

    RispondiElimina
  10. una crostata golosissima! in bocca al lupo per il contest!

    RispondiElimina
  11. Incredibile la storia del pavone. Non mi è mai capitato di vederne di liberi. Che bella esperienza! Ciao, buon we!

    RispondiElimina
  12. Assurdo....sembra un'immagine quasi surreale.... speriamo solo che il piccolo pavone stia bene....
    Un bacione Laura e complimenti!!!! Proprio bella da vedere questa crostata goduriosa....ma dove li trovi tutti quegli stampini cosi gattosi?? Troppo carini!!!!

    RispondiElimina
  13. ahahahaha mi immagino le facce :) povero pavone speriamo stia bene! bellissima questa panna! gnam gnam

    RispondiElimina
  14. Adoro i pavoni, sono bellissimi sei stata fortunata ad incontrarne uno..spriamo che ora stia bene ^.^
    Bellissima... la crostata di panna mi è nuova, bell'idea!

    RispondiElimina
  15. che buona deve essere questa crostata! goduriosa! Ciao Paola

    RispondiElimina
  16. Questo post è stupendo per le formine a gattinooooo!!!noooo, son stupende!!!Io due giorni fa ho postato due mici di past frolla ma..che fatica!!a mano libera!!!!Crostata stupenda, bella e buona e..il pavone!!oh Dio..spero stia bene. Il grande freddo disorienta molti animali spingendoli a spostarsi per procurarsi cibo.. Speriamo bene. Un bacio e buon sabato sera!!

    RispondiElimina
  17. Bellissima e gustosa!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  18. Buona davvero! Anche qui fa freddo e nevica pure.

    RispondiElimina
  19. che coreografica questa torta...complimenti!! e complimenti anche per aver pensato di metterer al riparo dalle macchine il apvone...non tutti l'avrebbero fatto(io però si)!!baci baci

    RispondiElimina
  20. Povero pavone, sicuro si sarà allontanato in cerca di cibo. avrà poi cercato un posto tranquillo. Penso che abbiano un buon senso dell'orientamento. E speriamo in bene!
    Bella la torta alla panna cotta non l'ho mai provata! hai un repertorio così vasto che ogni volta mi lecco i baffi ;-)
    buona Domenica

    RispondiElimina
  21. Eccomii.. ma che meraviglia...grazie di cuore per aver partecipato ^__^ Questa crostata è perfetta :-) Grazie e buon week end.

    RispondiElimina
  22. una torta originale e...nonostante la panna cotta ,pure leggera!!!!
    bacioni

    RispondiElimina
  23. Immagino già la scena dei vigili!!! Beh speriamo che il pavone se la sia cavata bene!
    E questa crostata??? Ma è davvero particolare...con la panna cotta!

    RispondiElimina
  24. Speriamo che il pavone sia stato recuperato sano e salo! La tua crostata è molto bella con quel contrasto cromatico, poi è molto particolare, non la conoscevo con la panna! Grazie della ricetta e buona domenica!

    RispondiElimina
  25. un pavone in giro libero non l'ho mai sentito! Come ci sarà arrivato!! Buona la tua crostata, originale!

    RispondiElimina
  26. Molto bella l'idea della panna cotta nella crotsata!

    RispondiElimina
  27. Vento fortissimo anche da noi in Liguria, ma pavoni??? noooo, nemmeno l'ombra! magari qualche bidone della spazzatura scaraventato addosso in mezzo alla strada :(
    mi piace la farina di riso nei dolci, li rende più friabili, ma non ho mai osato usarla da sola, temevo l'impasto non legasse...non fai fatica a stenderla?
    buona domenica
    Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho fatto fatica a stenderla, ma la prossima volta voglio provare ad utilizzarla insieme ad una farina normale, per vedere la differenza, perché in effetti la pasta frolla viene un po' friabile!

      Elimina
  28. Che bella idea!Complimenti!Buona Domenica,carina!

    RispondiElimina
  29. Crostata alla panna?!? Ispira tantissimo!!! Ho già l'acquolina in bocca, ci starebbe per la mia colazione! Complimenti!
    Buona domenica da Il cibo delle Coccole

    RispondiElimina
  30. che idea.. forte, brava!! buona domenica baci

    RispondiElimina
  31. che meraviglia, sono cosi golosa che la mangerei con gli occhi e i biscottini gattosi, troppo ....buoni!!!! ahhahahahah che bello qst blog , anche io voglio seguire le ricette miciose, grazie x esser passata da me , ciao e miao.... ;-)

    RispondiElimina
  32. Davvero una crostata golosa!!
    Buona domenica.
    Stella.

    RispondiElimina
  33. Il pavone un animale dai colori spettacolari,,,,questa crostata te la promuovo con dieci e lode tesoro...buona domenica

    RispondiElimina
  34. Molto bello il tuo blog sia come post che come grafica...complimenti!!!
    Grazie per essere passata a visitare il mio blog e per complimenti.
    A presto. Fausto

    RispondiElimina
  35. Ciao, il mio Contest per le Ricette senza lievito è terminato: passa a trovarmi a Bryce’s House per un affettuoso ringraziamento! A presto!

    RispondiElimina
  36. ciao Laura, che bella avventura!!
    Favolosa questa crostata ^_^

    RispondiElimina
  37. Che splendida consolazione, che golosità Laura!

    RispondiElimina
  38. Che buonaaa bella idea!e speriamo bene per il pavone!

    RispondiElimina
  39. oh mamma un pavone...qui è impossibile che succeda, non si vede un pavone da anni...peccato perchè son bellissimi.
    Ottima la torta, ed un applauso per i biscottini...sai che io apprezzo le "gattosità".
    Miao

    RispondiElimina
  40. ma che storia!!!una specie di fiaba urbana!bellissimo ricordo...e questa crostata golosissima??complimenti,Marika

    RispondiElimina
  41. Buona, buona! Chissà che anche il pavone ne senta il profumo :-)

    RispondiElimina