giovedì 1 marzo 2012

VERZE SOFFEGAE CON LUGANEGA (SALSICCIA) E POLENTA


La nuova rubrica regionale "CIBO E REGIONI" proposta dal blog L'angolo cottura di Babi in collaborazione con il blog Rosa ed io,  mi è subito piaciuta molto e così ho pensato di partecipare anch'io con questo tipico piatto della tradizione veneta.
La verza era uno degli ortaggi più coltivati nei nostri orti, aggiunta alla salsiccia che, visto che del "porseo no se butta via niente" (del maiale non si butta via niente) non è mai mancata e completata dall'immancabile polenta ha rappresentato, visto la povertà degli ingredienti, un piatto tipico della stagione fredda tanto più che le verze se hanno preso il ghiaccio sono più buone!!!
Ogni giovedì mattina, a Mestre, dietro la piazza c'è il mercato dei Coltivatori Diretti.
E' un bel vedere, i banchetti offrono le verdure e la frutta di stagione coltivate nei d'intorni, ci sono poi i banchi delle uova, del miele, dei formaggi e altro tutto di aziende agricole delle zone limitrofe!!!
Con il bel freddo che c'è stato, i banchi di verdura erano pieni di verze .......così mi è venuta voglia di fare questo piatto che mi ricorda mia nonna e gli inverni passati a sentire le storie dei "vecchi"!!!


VERZE SOFFEGAE 
CON LUGANEGA (SALSICCIA) E POLENTA



Ingredienti:
- 1 kg verza;
- 1 cipolla;
- 2 spicchi d'aglio;
- 3 salsiccie di maiale;
- 4 cucchiai di olio evo (io DANTE);
- brodo vegetale q.b.:
- 1 cucchiaio aceto;
- polenta istantanea gialla;
- sale e pepe TEC-AL.





Lavate bene le verze, togliendo le foglie esterne e il torsolo che anche dopo la cottura restano duri, tagliatele prima a metà e poi a listarelle non troppo lunghe. Intanto in una capiente pentola (io LE CREUSET) farete rosolare la cipolla tritata e l'aglio schiacciato nell'olio. Appena si è stufato unite la verza e bagnate con poco brodo, salate e pepate. Dopo circa 30 minuti, quando la verza si sarà ridotta della metà aggiungete le salsicce, preventivamente bucherellate con uno stecchino. Continuate la cottura, a fuoco basso, con il coperchio per circa 1 ora, girando spesso con un cucchiaio di legno e aggiungendo se necessario poco alla volta il brodo vegetale.
A fine cottura aggiungete l'aceto, scoperchiate e fate asciugare.
Nel frattempo preparate la polenta, io per comodità quella istantanea, seguendo le indicazioni riportate sulla confezione. Portare a bollore l'acqua nella quantità necessaria per la farina usata,  salarla nella quantità richiesta sempre dalla farina, togliere la pentola dal fuoco e aggiungere la farina mescolando per non formare grumi, riportare la pentola sul fuoco e sempre mescolando portare a cottura, bastano pochi minuti, poi
servire assieme alle verze e alle salsicce, tutto molto caldo!!!



Con questa ricetta partecipo alla rubrica "Cibo e regioni"








37 commenti:

  1. Grazie Laura!!!!! Splendida ricetta davvero e grazie mille per la tua partecipazione!!!!La rubrica nasce proprio dalla voglia di raccontarsi e raccontare la propria terra attraverso il suo cibo e tu l'hai fatto e l'ho fai sempre bene!!!!!
    Ti abbraccio e grazie ancora!!!!!

    RispondiElimina
  2. ottimo piatto!!!!!!!!!me piase!!^_^

    RispondiElimina
  3. Laura verze soffegae...traduci in soffocate...ehehehe son de Trieste e mio mariti quand'era piccolo la zia gli diceva...oggi verze co' luganega scampada ma i ga el fisciò..... erano tempi magri la salsiccia non c'era era scappata ma quando mangiavi le sue verze ti fischiava la gola!!!! ricordi d'infanzia!!!! Buoni e mi piacciono tanto e con il gelo sono ancora più buone. Evvvaii Laura che sei grande.
    Ciaoooo

    RispondiElimina
  4. un bel piattino che anche qui a Trieste va alla grande a parte che al posto delle verze noi mettiamo direttamente i crauti acidi. un baciotto cara, una coccola ai pelosetti da parte mia

    RispondiElimina
  5. davvero un tipico piatto veneto!!! Brava

    RispondiElimina
  6. Da noi si usa molto con i crauti però, luganighe e capuzi!! Molto particolari come gusti!

    RispondiElimina
  7. un bel piatto gustoso...ottimo abbinato alla polenta! ideale in questo periodo!
    baci

    RispondiElimina
  8. ingredienti ottimi
    risultato eccellente.
    bravissima

    RispondiElimina
  9. Un piatto bello robusto!! Ho giusto delle verze (prese dalla contadina) in frigo, mi hai dato un'idea per la cena!!!

    RispondiElimina
  10. Boooooooneeeee!!! ;) eheheh! Sembrano davvero buone!Mangiato questo però non mangi più per una settimana! eheheh! Scherzo!
    A presto...Sibilla

    RispondiElimina
  11. Laura questo secondo e´ fuori di testa!!! Buono buono buono!!!!!

    RispondiElimina
  12. di un piatto così ci si innamora a prima vista...superlativo, ciao.

    RispondiElimina
  13. la Luganega.. mamma mia quanto è buona!!!!con la verza.. da provare.. sembra ottima! baci e buona giornata .-)

    RispondiElimina
  14. Adoro le verze in ogni salsa, da crude a cotte...
    Questo piatto è davvero ottimo....:-)

    RispondiElimina
  15. una bomba!!! chissà quanto è buono. grazie per la ricettina.

    baci
    terry

    RispondiElimina
  16. Grazie Laura! Questa ricetta è fantastica! Buona Giornata, Cristina

    RispondiElimina
  17. Meraviglia!!!!!!!!!!!
    Quanto mi piaccionoooo!!!
    Un abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  18. Ottimo piatto!Buon mese,carina!

    RispondiElimina
  19. Oh mamma mia che super bontà!!!!!! Adoro salsiccia e verza!!!! Baci

    RispondiElimina
  20. nonostante a Roma oggi ci sia un giorno caldissimo e nonostante il caldo mi faccia passare la fame, guardando questo post mi sa che devo mettermi a cucinare subito!!!!

    RispondiElimina
  21. Grazie mille cara, bellissima e buonissima ricetta! L'ho aggiunta alla pagina della cucina regionale, anzi potresti cambiare il link con questo?
    http://www.langolocottura.it/cucina-regionale/
    Buona giornata e se hai altre ricettine in tema le apprezzeremo moltissimo!

    RispondiElimina
  22. Ciao Laura!
    Che magnada co sto piat qua
    bravissima buona giornata,

    Tiziano.

    RispondiElimina
  23. Gnam gnam!!!...io adoro questo piattino!

    RispondiElimina
  24. buone Laura le salsicce con la verza...anche se mi è un po' pesantuccia ...ma ogni tanto la mangio è troppo buona

    RispondiElimina
  25. Piatto tipico veneto, mmhh che buone le verze! Non a tutti piacciono, ma io se posso le preparo spesso in inverno. Complimenti!

    RispondiElimina
  26. mi fai sempre venire fame :)

    RispondiElimina
  27. Buonaaaaaaaaaaa!!! Mi fa venire un gran appetito!!

    RispondiElimina
  28. Che ricetta favolosa, e che bontà!
    Laura sei una GRANDEEEEEE
    baciiii

    RispondiElimina
  29. davvero tipico della nostra regione!!

    RispondiElimina
  30. complimenti un piatto ghiottissimo

    RispondiElimina
  31. hai usato tutti prodotti della nostra meravigliosa regione!! brava brava tesorino!!! ottimo questo piatto...vado a vedere il contest!

    RispondiElimina
  32. ottimo e soprattutto di stagione.
    ciao ciao
    emme

    RispondiElimina
  33. Me piase!!! Complimenti!!! ^_^

    BB

    RispondiElimina
  34. mi.dic.2016 - questo piatto mi ricorda l'infanzia ed il dopoguerra, perché i prodotti base venivano dal ns. orto,
    compreso il maiale. L'olio non circolava come ora pertanto
    il fritto veniva fatto con lo strutto (grasso di maiale pre-
    sciolto a caldo) con alcuni pezzi di lardo, integrato poi dalle luganeghe ( salsicce fatte con la carne del maiale ina
    datta per il salame,era la parte sanguigna della testa).
    Era il pasto che le ns. mamme preparavano quando le scuole
    erano lontane dal proprio paese...altro che sandwich...
    Talvolta qualcuno in cartella si trovava la bottiglietta di
    aranciata piena di vino rosso.....ci sentivamo in paradiso..
    Evviva le verze con le luganeghe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felice di aver risvegliato questi bei ricordi!!!

      Elimina