martedì 31 marzo 2015

PARDULAS

Oggi vi presento una ricetta tipica pasquale della Sardegna: le Pardulas!
Vengono preparate in tutta la regione in occasione della Pasqua, anche se con nomi differenti.
Sono dei buonissimi dolcetti preparati con una sottilissima pasta che racchiude un interno morbido preparato con la ricotta di pecora.
Possono essere serviti al naturale o con zucchero a velo o con un velo di miele e confettini colorati! 
La preparazione è un po' lunga, anche se non molto complicata.
Purtroppo l'impasto si è sgonfiato dopo che li ho tirati fuori dal forno, ho letto che questo molto probabilmente succede se la ricotta non è ben asciutta oppure alcune aggiungono un po' di lievito per dolci.
Nonostante ciò anche questa ricetta sarda a casa mia è stata ben apprezzata!
Se qualcuno della Sardegna ha qualche suggerimento da darmi è ben accetto!

PARDULAS


INGREDIENTI:
Per la pasta:
125 g di farina 00;
- 125 g di farina di semola;
- 50 g di burro;
- 100 ml di acqua tiepida;

Per il ripieno:
- 250 g di ricotta di pecora;
- 1 uovo; 
- 100 g di zucchero; 
- 50 g di farina 00;
- 1 bustina di zafferano;
- 1 buccia di limone;
- 1 buccia di arancia.

Per decorare:
- miele;
- confettini colorati.



Impastate energicamente la farina, la semola, il burro e l’acqua tiepida fino ad ottenete un composto compatto e omogeneo. Avvolgere il panetto con la pellicola e asciate riposare per almeno trenta minuti.
Nel frattempo preparate il ripieno lavorando a crema la ricotta con l’ uovo, lo zucchero, la farina, lo zafferano, la buccia dell’arancia e del limone grattugiati.
Riprendete l'impasto, stendetelo in una sfoglia fina e con un coppa pasta ritagliate dei cerchi con un diametro di dieci centimetri circa.
Disponete all'interno di ogni cerchietto un cucchiaino di ripieno e sollevate i bordi pizzicando i lati in otto punti diversi.
Cuocete a 170° C per circa 30 minuti.
Spennellate le pardulas con un po' di miele e ricoprite con dei confettini colorati oppure spolverizzate con lo zucchero a velo.



38 commenti:

  1. Come delle crostate alla ricotta..una favola!

    RispondiElimina
  2. Ti sono venute davvero belle, molto brava!!

    RispondiElimina
  3. Veramente belli e buoni questi decorati biscottini, pandulas mi pare un nome strano.
    Ciao e buona settimana santa cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Le ho mangiate in passato portate da una parente di mio marito che vive in Sardegna. Sono buonissime. Non avevo la ricetta. Grazie per averla condivisa. Un bacio!

    RispondiElimina
  5. Ne ho sentito parlare tantissime volte, ma non le mai assaggiate. Comunque a me non sembrano troppo gonfie, io le ho sempre viste così, sono bellissime !!!!!
    Un abbraccio cara

    RispondiElimina
  6. Le conosco e mi piacciono tantissimo.
    Ti sono venute bene.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Le ho viste su qualche blog, mi hanno colpita per la forma un pò particolare! Le tue sono anche più belle :D

    RispondiElimina
  8. Ho assaggiato questa delizia nel ristorante sardo di nostra fuducia dove andiamo appena possiamo.. Che bella ricetta!!!! baci e buon lunedì .-)

    RispondiElimina
  9. Sei stata molto brava :D io non le so fare ma.ne mangio a quintalate,come le ciliegie una tira l altra !

    RispondiElimina
  10. Ne ho mangiate a sazietà quando abitavo in Sardegna, ci sono rimasta per 4 anni.
    Non le ho mai fatte, ma se ti può essere utile, ti passo questo indirizzo di blog, Roberto Murgia è fantastico
    http://myart-robertomurgia.blogspot.it/2010/10/pardulas-cagliaritano.html#.VRkzBvmsXnY
    Buona settimana
    Mandi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, gentilissima....sono andata a vedere e a parte le pardulas ci sono tantissime altre ricette bellissime....

      Elimina
  11. non le mai assaggiate ma solo a leggere gli ingredienti e a vederle mi hanno ingolosito! mi segno la ricetta, e grazie!
    amelie

    RispondiElimina
  12. ma che belline!! io amo le monoporzioni...! hanno proprio un bell'aspetto :) veramente golose :)

    RispondiElimina
  13. Ciao Laura! Che bontà queste pardulas! Per questa Pasqua mi ero ripromessa di farle anche io, insieme alla pastiera, ma non so cosa riuscirò a combinare... purtroppo è un periodo un pò così e non so quanti propositi riuscirò davvero a realizzare! Ad ogni modo complimenti perchè ti sono venute bellissime! Un abbraccio a te e a Pietro! Coccole, come sempre, ai tuoi micioni!

    RispondiElimina
  14. che buoni! l'ho mangiati un paio di anni fà .... finalmente in Sardegna dopo anni...quanto la amo! e ricordo i pardulas! che carini ti sono venuti.
    senti perdonami..ma io non mi ricordo se ti ho detto di passare da me...
    ahahah sono stonata ...l'ora legale m'ha dato mazzata finale.
    a presto

    RispondiElimina
  15. SONO BELLISSIME, SEI DAVVERO UN POZZO INESAURIBILE DI IDEE STREPITOSE, BRAVA!!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
  16. Non li conoscevo!!! Ma che carini!!!!

    RispondiElimina
  17. Che delizia le pardulas! Ricordo quelle meravigliose di una panetteria vicino Cagliari che ho mangiato da ragazzina: un sogno! Ogni tanto ho pensato di provare a farle a casa, ed ora che ci hai regalato la ricetta non ho più scuse.
    buon pomeriggio e un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Ecco, ad esempio questi io non li avevo mai sentiti né visti!
    Se ne impara ogni giorno una nuova... ma questa cosa dello zafferano in un dolce? Cavoli se sono indietro... io me lo immagino sempre nel solito risotto e via! XD
    Grazie per avere condiviso una così interessante (per me) novità! ;)
    Un bacio cara Lauretta!

    E chissà per Pasqua cosa ci proporrai! :D

    RispondiElimina
  19. sono molto festosi alla vista, immagino il sapore!!!!!

    RispondiElimina
  20. Mai provati questi dolcetti...devono essere proprio buoni però :-P Golosissimi

    RispondiElimina
  21. Che belli Laura! non sapevo neanche della loro esistenza e devo dire che mi piacciono moltissimo! adoro le ricette tipiche perche' ci permettono di conoscere tante ricette golosissime :)

    RispondiElimina
  22. Cara Laura, io sono sarda ma non ho mai preparato le pardulas,non perchè non mi piacciono (al contrario le adoro) ma non ho mai pensato di realizzarle....eppure nel quadernetto di mia nonna ci sono diverse versioni di questo dolce buonissimo, simili alla tua ricetta..lei le preparava..una vita fa.....
    tra circa poco meno di un mese ripartirò in Sardegna, se ti fa piacere guardo nel
    quadernetto appena nominato e ti mando le versioni di cui ti ho parlato (anche se le ricette scritte da mia nonna non sono sempre dettagliatissime, lei dava molte cose per scontato) fammi poi eventualmente sapere;).
    le tue pardulas sono molto invitanti, mi hai fatto venire un'acquolina incredibile, il loro aspetto è proprio così, ti sono venute benissimo:))
    un bacione, complimenti e buona settimana:))
    Rosy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sempre gentilissima. Se per te non è un problema, con calma, quando ti è possibile mi farebbe piacere avere le sue ricette, sicuramente super collaudate, e con il valore aggiunto della sua esperienza!!!
      Baci

      Elimina
    2. mi fa veramente piacere Laura, per me non è affatto un problema.....l'unica cosa è che, come ti ho scritto, non sempre si tratta di ricette dettagliatissime, mia nonna dava molto per scontato, ma gli ingredienti ci sono e forse anche un abbozzo di procedimento..ti farò poi
      sapere più avanti;)
      tanti baci anche a te:))

      Elimina
  23. Sono bellissime e chi sa quanto buone ! Buona settimana !

    RispondiElimina
  24. ma che carini questi dolcetti e poi golosissimi!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  25. che meraviglia..mi hai dato lo spunto per fare il dolce di Pasqua cara,grazie mille bacioni e complimenti!!! :-))

    RispondiElimina
  26. Ti sono venuti bellissimi, non sai che darei x fare l'assaggio :-P
    Complimenti Laura e felice settimana <3

    RispondiElimina
  27. Le mangiavo sempre in Sardegna, mi piacciono tantissimo, brava Laura ti sono venute perfette e chissà che buone!!!
    Buona serata

    RispondiElimina
  28. devono essere proprio buone,non le ho mai fatte nè mangiate,grazie

    RispondiElimina
  29. GRAZIE, GRAZIE A TUTTE/I, MI E' PIACIUTO MOLTO PROVARE LE RICETTE TRADIZIONALI DI ALTRE REGIONI, CERCANDOLE SI IMPARANO TANTE COSE, CI SI CONOSCE MEGLIO E SI ACCORCIANO LE DISTANZE.....

    RispondiElimina
  30. Da Sarda ti dico che ti sono venute benissimo sono meravigliose! Se ti può essere utile,mia mamma usava mettere lo strutto nel impasto della sfoglia e la faceva riposare almeno 30 minut, nella farcia su 500 g di ricotta aggiungeva 100 g di farina per asciugare l' umidità della ricotta! Spero di esserti stata utile! Un caro abbraccio e felice settimana!
    Laura♡♡♡

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per i complimenti e gli interessanti consigli...

      Elimina
  31. Sembrano deliziose... E sicuramente lo sono!
    Complimenti!!!!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  32. Ciao Lauretta! Grazie per la tua meravigliosa ricetta! I dolci tradizionali mi piacciono tantissimo!!! Sei brava! :)
    Ti auguro una serena settimana!
    Un bacio, Rosa

    RispondiElimina
  33. Ciao! ma se sono riusciti benissimo! sei stata proprio brava, per non essere una "tua" ricetta! complimenti e chissà che sapore delizioso! :)

    RispondiElimina
  34. Ciao Laura che delizia hai preparato.. Questi dolcetti .mi riportano alle vacanze in Sardegna...ci facevo colazione praticamente un giorno si e l'altro pure, avevamo un forno "amico", una vera bontà, davvero complimenti ;)! Buona giornata Luisa

    RispondiElimina