martedì 22 aprile 2014

PASTIERA CON GOCCE DI CIOCCOLATO

Da qualche anno, nel menù di Pasqua, come dolce mi piace affiancare alla immancabile colomba, la pastiera napoletana. 
Quest'anno ho voluto provare un'altra versione, ovvero al posto dei canditi ho aggiunto le gocce di cioccolato. Ma siccome qualche parente è tradizionalista ho deciso di preparare due pastiere, in modo da accontentare tutti, una con i canditi e l'altra con le gocce di cioccolato.
La versione al cioccolato è piaciuta tanto e ho ricevuto molti complimenti, ma per me, nel cuore è rimasta la pastiera mangiata a Napoli una Pasqua di anni fa a casa di cari amici.......sicuramente l'ingrediente speciale che fa la differenza è l'atmosfera unica di quella meravigliosa città!!!

PASTIERA CON GOCCE DI CIOCCOLATO






Ingredienti:

Per la pasta frolla:

- 400 g farina;

- 200 g burro;

- 200 g zucchero;
- 2 tuorli e 1 uovo;
- burro e farina per la teglia;
- sale.
Per il grano:
- 1 barattolo di grano bagnato per pastiera da 580 g;
- 1 dl circa di latte;
- 1 noce di burro;
- la scorza di 1/2 arancia e di 1/2 limone;
- 1 cucchiaio zucchero;
- 1 baccello di vaniglia.
Per il ripieno:
- 250 g ricotta;
- 170 g zucchero;
- 3 uova;
- 2-3 cucchiai di acqua di fiori d'arancio;
- 1 pizzico di cannella;
- 70 g tra cedro, arancia e zucca canditi a dadini o 50 g di gocce di cioccolato;
- zucchero a velo.






Per la pasta frolla mettete nel mixer la farina con il sale e il burro freddo a pezzetti, frullate fino ad avere un composto sbriciolato, poi unite lo zucchero, i tuorli e l'uovo intero, azionate ancora l'apparecchio fino a ottenere una pasta omogenea; trasferitela sulla spianatoia infarinata, lavoratela ancora rapidamente per compattarla, formate una palla, avvolgetela nella pellicola e mettetela in frigo.
Scolate il grano, sciacquatelo, mettetelo in una casseruola con il latte, lo zucchero, il burro, la scorza grattugiata d'arancia e di limone e la vaniglia; cuocete per una decina di minuti, fino a ottenere un composto cremoso. Toglietelo dal fuoco e lasciatelo raffreddare.
Preparate il ripieno: lavorate la ricotta in una grande terrina con lo zucchero fino a ottenere una crema lucida.
Sgusciate le uova separando i tuorli dagli albumi. Aggiungete i tuorli alla crema di ricotta, mescolando bene, unite il grano (eliminate la vaniglia), l'acqua di fiori d'arancio, la cannella, i canditi o le gocce di cioccolato. Montate gli albumi a neve ferma e incorporateli delicatamente al composto.
Appoggiate la pasta frolla su un foglio di carta da forno e stendetela con il matterello infarinato allo spessore di 3-4 mm; fatela scivolare in una tortiera del diametro di 26 cm, imburrato e infarinato. Fate aderire la pasta  al fondo e ai bordi e tagliate via quella eccedente.
Stendete la pasta rimasta e tagliatela a strisce con una rotella dentellata. Versate sulla pasta il ripieno che dovrà arrivare un pò sotto ai bordi della pasta. Appoggiate le strisce di pasta sulla pastiera formando una grata, poi passatela in forno a 180°C per 50-60 minuti. Sfornatela e lasciatela riposare almeno per un giorno. Servitela, spolverizzata di zucchero a velo, nella stessa teglia.









Il primo uovo di Pasqua di Pietro!!!!!!!!!!


22 commenti:

  1. Buona Laura! Che bello il tuo piccolo con il suo uovo gigante! Buona Pasquetta! Un abbraccio :)

    RispondiElimina
  2. Buona Pasqua e Pasquetta Laura!!! Inizio dicendo che la pastiera napoletana è tra i dolci migliori della nostra meravigliosa cucina italiana... le tue pastiere sono bellissime e leggendo quanti buoni ingredienti ci sono nel ripieno saranno deliziose! Ma termino gongolando per la foto di Pietro con l'uovo: è più grande di lui!!! :-D E' bellissimissimo il tuo ometto! Un abbraccio e tanti auguri a tutti voi, baci

    RispondiElimina
  3. una versione di pastiera molto interessante con le gocce di cioccolato, bellissima la foto del bimbo con l'uovo

    RispondiElimina
  4. Bellissimo il tuo bimbo accanto all'uovo gigante :) Un bacino al piccolo!
    Anch'io faccio la pastiera ogni anno e sempre con i canditi, quasi quasi l'anno prossimo provo anche con le gocce, mi hai incuriosito :)
    Un bacio e Buona Pasquetta

    RispondiElimina
  5. CHE BUONA!!! NON FATE INDIGESTIONE DI CIOCCOLATO!!! BUONA PASQUETTA

    RispondiElimina
  6. hai detto bene, la pastiera mangiata a Napoli ha tutto un altro sapore!
    Mamma mia che ovone è più grande di tuo figlio!!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao Laura, che dolcezza il tuo Pietro con l'uovo gigante!! Spero abbiate passato una Pasqua Serena:-) Con le tue pastiere, di sicuro sarà stata una Pasqua golosa! Un abbraccio, Mary

    RispondiElimina
  8. Ne ho mangiate tantissime, c'è chi le fa addorittura con la crema pasticcera! Ma con le gocce di cioccolato non ho mai avuto il piacere, anche se in giro in questi giorni ne ho lette tantissime! Bisognerà provare! :D

    RispondiElimina
  9. Buona!! Pure io avrei voluto cimentarmi con la pastiera quest'anno ma non c'è stato il tempo!! Con le gocce di cioccolato non l'ho mai mangiata!! Buona!! Ma quanto è bello il tuo piccolo vicino all'uovo? sembra proprio un pulcino!! bacione

    RispondiElimina
  10. Pietro è l'ingrediente migliore della tua ricetta Laura!!! Bellissimo.
    Anche io lo scorso anno mi sono cimentata a fare pastiere e siccome anche a casa mia pochi gradiscono canditi, ho fatto come te con le gocce di cioccolata. Non ti nascondo che è la versione che preferisco... Buona!!!! anzi, di più!

    RispondiElimina
  11. che belle parole hai lasciato alla nostra città, la pastiera è arte! come le sfogliatelle ed altre prelibatezze. Noi siamo tradizionalisti in un altro modo: niente canditi o cedro :D solo grano e ricotta

    RispondiElimina
  12. Ciao Laura, il tuo piccolo vicino all'uovo di pasqua è dolcissimo, un amore:))))Mi piace tantissimo la pastiera e ignoravo la versione al cioccolato, sicuramente buonissima, a essere sincera mi piacciono entrambe le versioni e non saprei quale scegliere...
    inoltre sono entrambe bellissime e troppo invitanti:))bravissima, complimenti:))
    un bacione a te e tanti bacini al tuo piccolino:)))

    RispondiElimina
  13. bellissimo Pietro ed il suo mega uovo!!! Tanti auguri Laura e complimenti per queste pastiere (da napoletana non posso non apprezzare ;-))

    RispondiElimina
  14. Pietro è meraviglioso! La pastiera poi con le gocce di cioccolato ancora più golosa, un bacione

    RispondiElimina
  15. Non ho mai assaggiato la versione con gocce di ciocolato.. anche io son tradizionalista.. Quest'anno non l'ho preparata.. avrei voluto le tue :-) smack

    RispondiElimina
  16. Deliziose entrambe le versioni, io poi che ho metà sangue partenopeo devi dire che la pastiera ce l'ho nel cuore come Napoli del resto....bravissima e sopratutto auguri al piccolo Pietro che ha ricevuto un'uovo più grande di lui! baci.
    Coscina di pollo

    RispondiElimina
  17. ma che meraviglia, Pietro col suo grandissimo uovo, ci sta quasi dentro :D :D.
    buonissime le versioni di pastiera, io sempre mangiato quella tradizionale ma con le gocce di cioccolato sono sicura che è buonissima.
    baci

    RispondiElimina
  18. Ciao Laura :) Da napoletana non posso non apprezzare questo post e queste bellissime pastiere! Sarebbe bello mangiarne una fetta insieme qui a Napoli :) Non ho mai provato la versione con le gocce di cioccolato, deve essere ottima! Complimenti e un abbraccio grande, Pietro è bellissimo <3 dagli tanti bacini da parte mia :) :**

    RispondiElimina
  19. wonderful.. i love to have it too.

    RispondiElimina
  20. non lo dire a nessuno ma anche se le feste sono passate io questa pastiera al cioccoalto la devo fare assolutamente magari per il 1° maggio!
    baci
    Alice

    RispondiElimina
  21. Ciao! accipicchia che mega uovo e il tuo piccino ha proprio una faccia sconvolta, poverino, tutto questo cioccolato :o
    Buonissima la pastiera, uno dei nostri dolci preferiti che purtroppo però non è tradizione preparare qui al nord. La versione per noi è rigorosamente con i canditi ;)
    un bacione

    RispondiElimina