martedì 31 gennaio 2017

MUFFIN CON COCCO E CIOCCOLATO (senza burro)

Questi muffin con cocco e cioccolato, semplici e buonissimi, li ho preparati in occasione del quarto compleanno di Instamamme, la prima community delle mamme nata su Instagram e poi cresciuta con un sito.
La tenerissima gallery è ricca di foto riguardanti la maternità, neonati, bambini, vita quotidiana di famiglie e ricette per tutti. 

Con molto piacere ho accolto il loro invito a preparare una ricetta che per me possa rappresentare Instamamme.
Ho pensato a questi muffin, perché sono dolci e irresistibili come un abbraccio tra una mamma e il suo bambino!!!!

MUFFIN CON COCCO E CIOCCOLATO (senza burro)

Muffin con cocco e cioccolato (senza burro)

Muffin con cocco e cioccolato (senza burro)

INGREDIENTI:
Per i muffin:
- 160 g di farina 00;
- 80 g di farina di cocco;
- 1 uovo;
- 100 g di zucchero;
- 60 ml di olio di semi;
- 125 ml di latte;
- 8 g di lievito per dolci;
- 60 g di gocce di cioccolato.

Per la decorazione:
- 100 g di formaggio spalmabile;
- 30 g di zucchero a velo;
- Nocciolata Rigoni di Asiago;
- farina di cocco.

Muffin con cocco e cioccolato (senza burro)

Muffin con cocco e cioccolato (senza burro)

Per preparare i muffin con cocco e cioccolato, iniziate mescolando in una ciotola le farine, il lievito e lo zucchero.
In un'altra ciotola amalgamate l'uovo, il latte e l'olio.
Unite gli ingredienti e mescolate velocemente.
Infine, aggiungete le gocce di cioccolato.
Versate l'impasto negli stampi da muffin e riempiteli fino a 3/4.
Infornate a 180 °C per circa 20 minuti (fate la prova dello stuzzicadenti).

Intanto preparate la decorazione.
In una ciotola mescolate il formaggio spalmabile, lo zucchero a velo, un cucchiaio di farina di cocco e 2 cucchiai di Nocciolata.
Mettete la crema in una sac a poche.

Quando i muffin al cocco e cioccolato si sono raffreddati, decorateli con la crema e con altra farina di cocco.



Muffin con cocco e cioccolato (senza burro)
/
Muffin con cocco e cioccolato (senza burro)

Muffin con cocco e cioccolato (senza burro)



sabato 28 gennaio 2017

PASTICCIO DI CARCIOFI

Preparo spesso i pasticci perché oltre ad essere buonissimi, si possono preparare in anticipo!
Questa volta ho preparato il pasticcio di carciofi, già sfornato molte volte, questa è l'ultima buonissima versione!

PASTICCIO DI CARCIOFI

Pasticcio di carciofi

Pasticcio di carciofi

INGREDIENTI:
- 500 g lasagne sfoglia grezza;
- 15 fondi di carciofo;
- olio evo;
- prezzemolo tritato;
- 1 spicchio d'aglio;
- 50 g farina;
- 50 g burro + qualche fiocco;
- 1 l latte;
- noce moscata;
-100 g parmigiano grattugiato;
- sale alle erbe.

Pasticcio di carciofi

Pasticcio di carciofi

Per preparare il pasticcio con carciofi, date una veloce lavata ai fondi di carciofo, metteteli in una pentola antiaderente, aggiungete un po' d'olio, lo spicchio d'aglio tritato e coprite d'acqua, salate.
Cuocete per circa 20 minuti finché l'acqua si è asciugata e i fondi sono diventati teneri, aggiungete il prezzemolo tritato e terminate la cottura.

Preparate la besciamella. 
In una casseruola fate spumeggiare il burro, aggiungete la farina, fatela tostare per qualche minuto poi aggiungete tutto di un colpo un litro di latte a temperatura ambiente mescolando con la frusta. Portate a ebollizione mescolando di tanto in tanto a fuoco moderato. 
Unite il sale e la noce moscata.
Dal momento in cui la salsa comincia a bollire, cuocete a fuoco bassissimo e a tegame coperto per 10 minuti circa.

Ungete di burro una pirofila rettangolare. 
Mettete un po' di besciamella sul fondo, poi cominciate con uno strato di lasagne, mettete sopra uno strato di fondi tagliati a pezzetti, quindi uno strato di besciamella e una bella manciata di parmigiano. 
Ripetete gli strati, coprite con la besciamella, cospargete con grana e qualche fiocchetto di burro.
Mettete il pasticcio di carciofi in forno caldo a 180 °C per 30 minuti.

Pasticcio di carciofi

Pasticcio di carciofi

giovedì 26 gennaio 2017

TIRAMISU' CON UOVA PASTORIZZATE

Alcuni giorni fa abbiamo festeggiato i compleanni dei miei genitori con un pranzo in famiglia e come dolce mi era stato richiesto il tiramisù!
Ultimamente avevo preparato versioni senza uova, come questo, perché soprattutto per Pietro preferisco non utilizzare le uova crude, ma questa volta volevo il classico tiramisù, e ho risolto pastorizzando le uova.
Non avevo mai provato questo procedimento, pensavo fosse lungo e complicato, invece in pochi minuti ho ottenuto delle uova pastorizzate  che mi hanno permesso di realizzare un tiramisù buonissimo in tutta sicurezza!
Le foto sono state fatte al volo al momento del taglio del dolce......

TIRAMISU' CON UOVA PASTORIZZATE

Tiramisù con uova pastorizzate

Tiramisù con uova pastorizzate

INGREDIENTI:
- 500 g savoiardi;
- 5 uova;
- 10 cucchiai rasi di zucchero;
- 80 ml di acqua;
- 3 caffettiere da 3 di caffè;
- 500 g mascarpone;
- 10 amaretti;
- cacao amaro.

Tiramisù con uova pastorizzate

Tiramisù con uova pastorizzate

Per preparare il Tiramisù con uova pastorizzate, preparate i caffè, non troppo forti, e versateli in una terrina a intiepidire. 

Separate i tuorli dalle chiare delle uova. 

In una ciotola montate leggermente i tuorli.
Preparate lo sciroppo. In un pentolino versate 40 ml di acqua con 5 cucchiai rasi di zucchero e fate sciogliere lo zucchero.
Quando lo sciroppo raggiunge i 121 °C (se non avete il termometro, capirete che lo sciroppo è pronto quando l'acqua sarà chiara e piena di bollicine chiare) aggiungete a filo lo sciroppo sui tuorli e continuate  montare finché il composto non si raffredderà e diventerà chiaro e spumoso.

Incorporate ai tuorli sbattuti, il mascarpone e frullate pochissimo per amalgamare.  

In un'altra ciotola, iniziate montando gli albumi con un pizzico di sale.
Preparate lo sciroppo. In un pentolino versate 40 ml di acqua con 5 cucchiai rasi di zucchero e fate sciogliere lo zucchero.
Quando lo sciroppo raggiunge i 121 °C (se non avete il termometro, capirete che lo sciroppo è pronto quando l'acqua sarà chiara e piena di bollicine chiare) aggiungete a filo lo sciroppo sugli albumi e continuate  montare finché il composto non si raffredderà e si sarà ben montato.

Aggiungete gli albumi, delicatamente e dal basso verso l'alto alla crema di mascarpone. 
Avete così ottenuto la crema per il tiramisù.

In un contenitore, meglio rettangolare, disponete i savoiardi, dopo averli inzuppati velocemente nel caffè tiepido, devono essere ben imbevuti ma non zuppi, e ricopriteli con un bello strato di crema, livellandola bene aiutandovi con una spatola. 
Disponete ora il secondo strato di savoiardi, sempre imbevuti di caffè e ricoprite ancora con la restante crema. 
Sbriciolate gli amaretti e ricoprite tutta la superficie. 

Riponete in frigo per qualche ora e al momento di servire, spolverizzate il tiramisù con uova pastorizzate con abbondante cacao amaro. 

Tiramisù con uova pastorizzate


martedì 24 gennaio 2017

OSSIBUCHI DI TACCHINO

La carne di tacchino, molto più digeribile e veloce in cottura di quella di vitello, si presta molto bene per questo ottimo secondo piatto. 
Gli ossibuchi di tacchino abbinati ai piselli diventano così un gustoso piatto e una buona occasione per mangiare carne!

OSSIBUCHI DI TACCHINO

Ossibuchi di tacchino


Ossibuchi di tacchino


Ingredienti:
- 3 ossibuchi di tacchino;
- trito di cipolla, carota e sedano (io surgelato);
- q.b. di piselli surgelati (io circa 300 g);
- farina;
- 1 rametto rosmarino;
- olio evo;
- sale (io alle erbe);
- 1/2 bicchiere di vino bianco secco;

- 200 ml circa di brodo vegetale.


Ossibuchi di tacchino


Ossibuchi di tacchino

Per preparare gli ossibuchi di tacchino, iniziate lavando gli ossibuchi, asciugateli con la carta cucina e passateli nella farina, facendola aderire bene.

In una padella mettete poco olio e il trito di odori, e fate appassire aggiungendo un po d' acqua. 
Aggiungete gli ossibuchi infarinati e fateli rosolare bene da entrambe le parti. 
Aggiungete il vino e un rametto di rosmarino e lasciate sfumare. Aggiungete, poco alla volta, il brodo vegetale portando la carne a cottura, circa 20 minuti. 

Dieci minuti prima della fine cottura della carne, aggiungete i piselli, mescolate, regolate di sale e terminate cottura. 
Servite gli ossibuchi di tacchino e piselli caldi.

Ossibuchi di tacchino




domenica 22 gennaio 2017

GIRELLE DI PASTA SFOGLIA CON MARMELLATA

Le girelle di pasta sfoglia con marmellata sono una ricetta facilissima, da preparare in pochi minuti!!!
Io le ho farcite con la marmellata di albicocche e uvetta, ma voi potete optare anche per le gocce di cioccolato.
Buonissime sia calde, appena sfornate, sia fredde, sono un’ottima merenda per grandi e piccoli, magari accompagnate ad una calda tazza di tè.

GIRELLE DI PASTA SFOGLIA CON MARMELLATA

Girelle di pasta sfoglia con marmellata - Ricetta facile e veloce


Girelle di pasta sfoglia con marmellata- Ricetta facile e veloce

INGREDIENTI:
- rotolo di pasta sfoglia rettangolare;
- 60 g di uvetta;
- marmellata di albicocche Fiordifrutta Rigoni di Asiago;
- zucchero a velo.

Girelle di pasta sfoglia con marmellata - Ricetta facile e veloce


Girelle di pasta sfoglia con marmellata- Ricetta facile e veloce

Per preparare le girelle di pasta sfoglia con marmellata, mettete in una ciotola l'uvetta con dell'acqua e lasciatela in ammollo per 15 minuti.

Intanto stendete il rotolo di pasta sfoglia e spalmate la marmellata su tutta la superficie.
Aggiungete l’uvetta strizzata (o le gocce di cioccolato).

Arrotolate la pasta sfoglia per il lato più lungo e poi tagliate il rotolo a fette allo spessore di 1 cm.

Disponete le girelle su una teglia rivestita con carta da forno e infornate a 180 °C per 15 minuti.

Prima di servire le girelle di pasta sfoglia con marmellata spolverizzatele con lo zucchero a velo.

Girelle di pasta sfoglia con marmellata- Ricetta facile e veloce

Girelle di pasta sfoglia con marmellata - Ricetta facile e veloce




E questa è la videoricetta!




giovedì 19 gennaio 2017

VELLUTATA DI CAVOLFIORE VIOLA LIGHT

Ammaliata dal meraviglioso viola del cavolfiore già mi immaginavo un coloratissimo piatto di minestra del mio colore preferito......invece in cottura il cavolfiore viola perde colore e al massimo vira in una leggera gradazione di blu! 
L'aggiunta della cipolla rossa, che secondo me doveva rafforzare il colore, e il brodo vegetale sul giallo-verdino hanno fatto il resto e così si è arrivati a uno strano mix di colori che le foto rendono ancor più allucinanti!!!
Bene, lasciamo da parte i colori e puntiamo sulle qualità di questo straordinario cavolfiore, che deve il suo colore all'alta presenza di antociani, sostanze che sono in grado di ridurre i danni provocati dai radicali liberi, di proteggere i capillari e di prevenire le infiammazioni, per non parlare della loro azione di contrasto nei confronti dei processi cancerogeni.
Un piatto leggero, per esaltare tutte le proprietà del cavolfiore viola, arricchito dalla panna e completato dalla granella di nocciola, per chi vuole, del grana grattugiato e qualche crostino di pane per completare il piatto.

VELLUTATA DI CAVOLFIORE VIOLA LIGHT


Vellutata di cavolfiore viola

Ingredienti:
- 1 cavolfiore viola (io meno le cimette usate per il risotto);
- 1/2 cipolla rossa;
- 1l brodo vegetale;
- olio evo;
- sale;
- 100 g panna fresca;
- granella di nocciola;
- parmigiano grattugiato;
- crostini di pane.

Vellutata di cavolfiore viola


Vellutata di cavolfiore viola


Per preparare la vellutata di cavolfiore viola, mondate il cavolfiore. 
Dividete le cimette e conservate anche le parti del gambo più tenere. Lavate bene sotto l'acqua corrente. 

Pulite la cipolla e tagliatela in 4 parti. 

Mettete cavolfiore e cipolla in una pentola con un litro di brodo vegetale e fate cuocere per 30 minuti circa.

Togliete dal fuoco e frullate il tutto. 
Regolate di sale e aggiungete un filo di olio. 

Versate sui piatti, unite per ogni piatto un bel cucchiaio di panna e una manciata di granella di nocciola. 
Decorate la vellutata di cavolfiore viola con i crostini di pane e aggiungete, se volete, il parmigiano grattugiato.

Vellutata di cavolfiore viola



Potrebbe anche interessarti:

Risotto con cavolfiore viola
Risotto con cavolfiore viola





martedì 17 gennaio 2017

TORTA DI PANETTONE (O PANDORO)

Ero sicura di aver finito i panettoni che avevo in casa e invece ieri, eccolo là, nascosto in dispensa, un altro panettone!
Stanca di mangiarlo così, l’ ho utilizzato per preparare una torta di panettone con le mele.
L’accostamento panettone e mele  lo avevo già provato  in questa ricetta ed è perfetto!
La torta di panettone (che potete preparare anche con il pandoro) per l’assenza di farina, si presenta al taglio un po’ briciolosa, ma vi assicuro che il gusto è buonissimo!

TORTA DI PANETTONE (O PANDORO)


INGREDIENTI:
- 250 g di panettone (o pandoro);
- 100 g di zucchero di canna;
- 2 uova;
- 75 ml di olio di semi;
- 2 mele;
- 1 cucchiaio di rum;
- zucchero a velo.






Per preparare la torta di panettone, tritate finemente il panettone (o il pandoro) con un robot da cucina.
In una ciotola montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto gonfio e spumoso.
Aggiungete il cucchiaio di rum e l'olio continuando a montare.
Aggiungete lentamente con una spatola il panettone (o il pandoro) sbriciolato e le mele tagliate a dadini.
Versate l’impasto in una tortiera oliata da 20 cm e infornate a 180 ° C per 45 minuti.
Prima di servire la torta di panettone spolverizzate la superficie con dello zucchero a velo. 




domenica 15 gennaio 2017

PROFITEROLES AL CIOCCOLATO BIANCO

Troppo freddo per mettersi a dieta!!! Si sente proprio la necessità di farsi coccolare da morbide e golose delizie e chi meglio del cioccolato sa essere maestro in questo!!!
Una ricca crema pasticcera al cioccolato e una invitante glassa al cioccolato bianco hanno reso veramente irresistibili questi profiteroles, gustati al calduccio di casa ammirando i primi fiocchi di neve!!!

PROFITEROLES AL CIOCCOLATO BIANCO

Profiteroles al cioccolato bianco

Profiteroles al cioccolato bianco

INGREDIENTI:
Per la pasta choux (circa 15 bignè):
- 150 ml di acqua;
- 100 g di burro;
- 150 g di farina;
- un pizzico di sale;
- 4 uova. 


Per la crema pasticcera al cioccolato:
- 300 ml di latte;
- 3 tuorli d'uovo;
- 90 g di zucchero;
- 30 g di maizena;
- sale;
- 1/2 stecca di vaniglia;
- 60 g di cioccolato fondente;
- 100 ml di panna da montare.

Per la glassa al cioccolato bianco:
- 150 g di cioccolato bianco;
- 100 ml di panna fresca.

Profiteroles al cioccolato bianco

Profiteroles al cioccolato bianco


Per preparare il Profiteroles al cioccolato bianco, iniziate preparando i bignè.
In una casseruola dal fondo spesso, portate ad ebollizione l'acqua, il burro e il sale.
Togliete la casseruola dal fuoco e aggiungete la farina e lo zucchero.
Mescolate con un cucchiaio di legno fino a creare un composto omogeneo. 
Rimettete sul fuoco e continuate a mescolare finché il composto non si staccherà dalle pareti.
Togliete dal fuoco, lasciate intiepidire per qualche minuto e aggiungete le uova una per volta, facendo incorporare bene ogni uovo prima di aggiungere il successivo.
Continuate a mescolare finché la pasta choux non diventi corposa e il cucchiaio resta in piedi in mezzo all'impasto.
Foderate una placca da forno con la carta forno. Mettete la pasta choux in una tasca da pasticciere con una bocchetta liscia e formate delle palline ben distanziate.
Infornate i bignè nel forno già caldo e cuocete a 200°C per 20 minuti circa.
Fate raffreddare i bignè quindi praticare un forellino con un coltello sulla loro superficie.

Intanto, preparate la crema pasticcera. 
Scaldate il latte con il sale e i semi di vaniglia.
Montate in una ciotola, con la frusta i tuorli con lo zucchero, poi aggiungete la maizena e mescolate bene.
Aggiungete il latte passato attraverso un colino e mescolate ancora per evitare che grumi. 
Infine rimettete tutto sul fuoco moderatissimo, e sempre mescolando,  lasciate sobbollire per un paio di minuti finché la crema non si addensa. 
Togliete dal fuoco, aggiungete il cioccolato tritato e mescolate bene fino a quando non si sarà ben sciolto.
Lasciate raffreddare coprendo la crema con della pellicola.
Montate la panna e aggiungetela lentamente alla crema pasticcera.
Mettetela nella tasca da pasticciere.
Farcite i bignè inserendo la bocchetta della tasca da pasticciere con la crema pasticcera al cioccolato nel foro appena praticato.

Preparate la glassa.
Mettete in una casseruola la panna, portatela a sfiorare il bollore e aggiungete il cioccolato bianco tritato.
Mescolate fino a sciogliere completamente il cioccolato e a ottenere un composto liscio e privo di grumi. 
Ponete il composto in frigorifero e attendete che raffreddandosi, si addensi al punto che riesca a velare i bignè rimanendo attaccato alla superficie.
Tuffate i bignè, uno alla volta, all'interno della glassa al cioccolato e con l'aiuto di due forchette prelevateli, fateli scolare leggermente e disponeteli in un piatto formando una base sulla quale poggerete via via tutti gli altri per terminare con una piramide. 
Se vi dovesse avanzare della crema al cioccolato, potete versarla sopra la piramide.

Decorate i profiteroles al cioccolato con la crema pasticcera al cioccolato avanzata.


Tenete i profiteroles in frigo fino al momento di servirli.

Profiteroles al cioccolato bianco

Profiteroles al cioccolato bianco


giovedì 12 gennaio 2017

RISOTTO CON CAVOLFIORE VIOLA

Quando ho visto il cavolfiore viola, sul banco del fruttivendolo, sono rimasta incantata dal meraviglioso colore e ho deciso di comprarlo!!! Che colore accattivante e il sapore??? Non resta che provare!!!
Non lessatelo, altrimenti il colore se ne va, ma cucinatelo a crudo. Ho pensato a un semplice risotto,  per provare solo l'aroma di questo colorato cavolo. 
Ho usato unicamente le belle cimette colorate, conservando il resto, compreso i gambi verdi, per un'altra preparazione. 
Il gusto è delicato, non si sente il tipico odore di cavolo e  il colore resta bello vivo. 
Per farne un risotto più ricco e gustoso, si può aggiungere salsiccia, pancetta o speck oppure panna, taleggio o gorgonzola. 
La mia versione leggera resta comunque un'ottima alternativa.

RISOTTO CON CAVOLFIORE VIOLA

Risotto con cavolfiore viola


Risotto con cavolfiore viola


Ingredienti (per 3 persone):
- 180 g riso per risotti;
- 250 g cimette di cavolfiore viola;
- 1/2 cipolla rossa;
- 1/2 bicchiere vino bianco secco;
- brodo vegetale q.b.;
- olio evo;
- sale;
- grana grattugiato. 


Risotto con cavolfiore viola


Per preparare il risotto con cavolfiore viola, mondate il cavolfiore e raccogliete le cimette. 
Lavatele in abbondante acqua fredda e scolatele.

In una padella antiaderente mettete poco olio e la cipolla rossa finemente tritata, fatela soffriggere aggiungendo poca acqua. Quando è morbida, aggiungete le cimette di cavolfiore tagliate a pezzettini. 
Cuocete per circa 10 minuti, aggiungendo un po' d'acqua. 

Quando l'acqua si sarà asciugata unite il riso e mescolando, fatelo tostare per 2 minuti. 
Versate il vino bianco e fatelo evaporare a fiamma vivace. 
Versate poco alla volta il brodo vegetale bollente e continuate la cottura per il tempo indicato sulla confezione del riso, circa 15-18 minuti, mescolando ogni tanto. 

Togliete la padella dal fuoco, aggiungete il grana grattugiato, se volete anche del burro, mescolate bene, lasciate riposare un po' il risotto con cavolfiore viola e poi servitelo subito.

Risotto con cavolfiore viola