mercoledì 19 maggio 2021

BUDINO VENEZIANO AL SEMOLINO

L'argomento di questa settimana della rubrica "Idea Menù" è ricordi di viaggio.
Subito la mente parte per posti lontani, esotici, soleggiati, ricchi di storia e di bellezze naturali che spero tanto rivedere o conoscere. Pensandoci bene mi rendo conto che la pandemia mi ha cambiato! Sono cambiate le priorità, gli interessi e il valore che do alle cose e ai sentimenti.
Così pensando al mio ricordo di viaggio, mi viene in mente un posto vicino, una città piena di storia, unica e speciale, che ne ha viste tante e passate ancor di più ma che non si è mai arresa e che ogni volta la visiti sa regalare nuove e indimenticabili emozioni.
Parlo di Venezia e il dolce che vi voglio far conoscere è il mitico budino di semolino di Rosa Salva, storica pasticceria che si trova in campo Santi Giovanni e Paolo.
Qui le specialità non mancano, ma il mio dolce preferito resta il budino con uvetta, che non manco mai di gustare quando vado a Venezia.
Naturalmente la ricetta originale viene tenuta ben conservata e infatti il mio budino veneziano al semolino è una ricetta di famiglia di un'amica veneziana.

 BUDINO VENEZIANO AL SEMOLINO



INGREDIENTI:

- 1 l di latte;

- 180 g di semolino;

- 150 g di zucchero;

- scorza di limone;

- bacca di vaniglia;

- 35 g burro;

- 100 g uvetta;

- 1 bicchierino di rum;

- 4 uova.


Mettere l'uvetta a bagno con il rum la sera prima o qualche ora prima o se non c'è il tempo far bollire in acqua e rum per qualche minuto.

Mettere il latte sul fuoco con la scorza di limone e mezza bacca di vaniglia e, prima che inizi a bollire, incorporare con la frusta e a pioggia il semolino esattamente come per fare la polenta e cuocere a fuoco basso per 10 minuti.

Togliere la buccia di limone e la bacca di vaniglia, aggiungere il burro e fare intiepidire.

Aggiungere lo zucchero e i tuorli, uno alla volta. Infine aggiungere l'uvetta e un cucchiaino di rum.

Montare le chiare a neve fermissima e piano, piano dal basso verso l'alto amalgamarle al composto di semolino.

Versare nei pirottini e farli cuocere nel forno, coperti con la carta argentata per circa 40 minuti a 160 C°.

Negli ultimi 5 minuti togliere la carta argentata.

Si possono cuocere anche a bagnomaria sia in forno che sul fuoco.



Foto presa dal web

Foto presa dal web



Questo è il menù completo:



Antipasto Calzone di brisèe

Primo Jamaican rice and peas



13 commenti:

  1. Vnezia ha un posto particolare anche nel mio cuore e spero di tornare presto. Andrò in questa pasticceria, che avevo notato ma dove non sono mai entrata e cosa mi sono persa! Ottima rivisitazione la tua Laura, bacione :)

    RispondiElimina
  2. interessante questo dolcino, Venezia è una cittadina da rivedere,spero di ritornarci presto,un bacione

    RispondiElimina
  3. Molto tempo fa avevo provato una ricetta simile senza il burro, però, ripeto pero, impazzì con la formazione di grumi. Un bel pasticcio. Sembrano delle ricette semplici e qualche volta si affrontano queste situazioni. Ciao.

    RispondiElimina
  4. non conoscevo questa ricetta, grazie per averla condivisa 😋😋😋😋

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo questo budino, deve essere delizioso ^_^
    Un bacio

    RispondiElimina
  6. Ottima versione di budino, lo proverò, grazie!!!

    RispondiElimina
  7. Mai pensato ad un budino con il semolino, ma ricordo alcuni dolci fatti in passato e mi piacquero! deve essere delizioso! un bacione

    RispondiElimina
  8. Non conosco questo dolce ma ne immagino la bontà!! Amo Venezia, spero di poter tornare presto!
    Un abbraccio cara e complimenti!

    RispondiElimina
  9. confesso la mia ignoranza. non avevo mai sentito parlare di questo dolce. Devo dire che mi ispira parecchio

    RispondiElimina
  10. Un dessert soffice e profumato...mi piace molto. Amo i dolci con semolino. Da provare sicuramente!!! Ciao...a presto!

    RispondiElimina
  11. Non l'ho mai assaggiato cosi con il semolino, mi ispira molto, da provare assolutamente. Buona serata.

    RispondiElimina
  12. Mamma mia oggi mi hai scatenato ricordi dolcissimi che mi portano un pò di malinconia. Avevo una zia che abitava a Canareggio, vicinissimo a questa pasticceria. Ci andavo spessissimo fin che era in vita, poi ci sono tornata giusto un paio di volte da allora. Troppi ricordi. Ottimo il tuo budino, bravissima

    RispondiElimina
  13. Ottima scelta e ottimo dolce da presentare in tavola in qualsiasi stagione

    RispondiElimina