lunedì 30 aprile 2012

PASTA AL FORNO CON ZUCCHINE E ............

La grande novità della ditta Mauri è il caprino di bufala, un gusto unico, dolce e cremoso che si presta benissimo a sostituire la mozzarella di bufala in cucina. Allora perchè non provarlo su una ricca pasta al forno, verificando che il risultato è veramente all'altezza delle aspettative!!! 

PASTA AL FORNO CON ZUCCHINE 








Ingredienti:
- 180 g mezze maniche rigate;
- 80 g CAPRI' DI BUFALA MAURI;
- 3 zucchine;
- 1 cipolla;
- 100 g panna da cucina;
- 1 spicchio di aglio;
- parmigiano grattugiato;
- burro;
- olio evo DANTE;
- sale alle erbe EMPORIO ECOLOGICO.



Lessate la pasta in abbondante acqua salata. Scolatela al dente e raccoglietela in una ciotola. Conditela con un filo di olio e lasciatela raffreddare. 
Lavate le zucchine, asciugatele e tagliatele a fettine. Tritate la cipolla (io SWIZZ CUT) e fatela rosolare in una padella antiaderente (io PEDRINI) con qualche cucchiaio di olio. Aggiungete l'aglio schiacciato (io SPICCHIO), le zucchine, salate e fate cuocere per 10-15 minuti, bagnandole con poca acqua.
Aggiungete alla pasta il caprino di bufala a pezzetti, unite le zucchine, 2-3 cucchiai di parmigiano e la panna e infine mescolate bene.
Imburrate leggermente la pirofila e distribuiteci la pasta condita.Completate con qualche fiocchetto di burro e una bella spolverata di parmigiano.
Infornate a 180°C per 10 minuti e poi ancora 5 minuti con funzione grill per gratinare.
Levate e servite.





MAURI PORTA NEL MONDO IL PIACERE DEL
FORMAGGIO 100% ITALIANO

Dall'Australia agli USA all'Estremo Oriente, l’azienda italiana leader nella produzione casearia, esporta in tutto il mondo l'eccellenza e la qualità dei suoi prodotti. E si appresta al lancio di nuovi formaggi a base di latte di bufala 

 12 mila metri quadri suddivisi in due stabilimenti, 150.000 litri di latte italiano lavorato quotidianamente, 5.000 tonnellate di formaggio prodotto ogni anno: sono questi i numeri di Mauri, azienda 100% italiana oggi marchio di eccellenza del Made in Italy nel mondo. Con quasi cento anni di storia, l'azienda leader nella produzione casearia dal 1920, sta vivendo dal 2005 un successo crescente sul piano internazionale portando in ogni angolo del mondo il piacere e l'alta qualità del formaggio italiano: gorgonzola, taleggio, duetto e mascarpone sono i prodotti più richiesti non solo da USA, Europa (Svezia, GB, Olanda, Spagna) e Russia, ma anche da nuovi mercati come Canada, Australia ed Estremo Oriente dove Corea e Hong Kong risultano oggi tra i principali paesi importatori.

Il perfetto connubio tra innovazione e tradizione casearia, uniti alla qualità e alla diversificazione del prodotto, sono gli elementi distintivi dell'azienda di Pasturo, a pochi chilometri da Lecco, che ne hanno decretato il successo internazionale, tanto che oggi Mauri, sotto la guida di Nicoletta Merlo, pro-nipote del fondatore, ha oggi 100 dipendenti e produce e distribuisce in tutto il mondo formaggi d'eccellenza raggiungendo anche frontiere inedite come Cuba e Santo Domingo.

Giunta alla 4° generazione della famiglia, la Mauri ha saputo tenere ben saldo il legame con il territorio lombardo della Valsassina puntando sul know-how della tradizione casearia locale e sugli alti standard qualitativi, con un forte orientamento all'innovazione. E' di qualche anno fa, ad esempio, il lancio del Caprì di capra e dei Fioroni di Capra Mauri, formaggi che hanno dato vita ad un nuovo segmento di mercato e che oggi sono imitati da tutti.

Sempre nel segno dell'innovazione, oggi l'azienda sta lanciando sul mercato una nuova gamma di formaggi a base di latte di bufala freschi e stagionati. Mauri presenta una linea insolita per la tradizione produttiva del Nord Italia, garantendo la qualità elevata delle materie prime e l'alto standard di professionalità e competenza della manodopera.

Fondata nel 1920 da Emilio Mauri in Valsassina, dopo soli 9 anni l'attività artigianale si trasforma in una vera azienda con il nuovo stabilimento di Pasturo (LC), area naturalmente predisposta alla produzione e stagionatura dei prodotti grazie all'aria speciale e alla presenza delle lanche, le grotte naturali caratterizzate dai tipici soffioni di aria umida, in grado di conferire al formaggio sapore e personalità uniche. Nel giro di pochi anni, i prodotti varcano i confini regionali e nazionali, e nel 1938 la Mauri diventa “società per azioni” dando vita a un'ulteriore fase di sviluppo dell'attività che porta l'azienda ad aprire un centro di raccolta del latte a Magenta e nel 1951 un nuovo caseificio a Treviglio (BG).










domenica 29 aprile 2012

MUFFIN ALLA CAROTA E CIOCCOLATO AL LATTE

Buon sabato!!!
Non so da voi, ma qui a Venezia è una splendida e calda giornata di sole, una vera giornata estiva, che ti fa sognare il mare e la spiaggia!
Nonostante tra pochissimo si comincerà a mettere il costume, io proprio non riesco a rinunciare ai dolci, e anche oggi ho preparato dei golosissimi muffins che ho accompagnato con un buonissimo frullato di frutta!


MUFFINS ALLA CAROTA E CIOCCOLATO AL LATTE



INGREDIENTI:
Per i muffins:
- 150 g di cioccolato al latte Venchi;
- 120 g di farina;
- 2 uova;
- 60 g di burro;
- 125 g di zucchero Zefiro extrafine Eridania;
- 80 g di mandorle Life tritate;
- una carota;
- 1 cucchiaino di bicarbonato;
-sale.


Mescolate la farina con il bicarbonato e un pizzico di sale in una ciotola.
Sbattete le uova con il burro ammorbidito e lo zucchero.
Unite i due composti e mescolate brevemente aggiungete la carota, lavata e grattugiata, le mandorle e 100 g di cioccolato spezzettato finemente.
Versate l'impasto negli stampini da muffin e cuocete in forno già caldo per 30 minuti.
Sfornate i muffins, fateli raffreddare, sformateli, incideteli al centro e inserite in ciascuno un quadretto del cioccolato rimasto.





FRULLATO DI FRUTTA

Per il frullato di frutta:
- 1 banana;
- 1 kiwi;
- 100 g di fragole;
- 30 ml di latte.



Sbucciate il kiwi, poi tagliatelo a cubetti eliminando la parte bianca centrale.
Lavate le fragole, eliminate il picciolo verde e tagliatele a metà, in ultimo sbucciate le banane e tagliatele a rondelle. Mettete tutta la frutta nel bicchiere di un frullatore e aggiungete il latte
Frullate il tutto fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.



Con questa ricetta partecipo al contest "Fare merenda mi piace da.....Matti" del blog "Burro e miele"




e al contest I love chocolate" del blog "Dolcizie, le mie dolci delizie"




e infine alla raccolta "L'albero goloso" del blog "Dolcizie......le mie dolci delizie!"



sabato 28 aprile 2012

TORTA LIGHT FRANGIPANE ALLE MELE

Non so voi, ma io questi due giorni ho avuto problemi con Blogger, tra l'altro non mi caricava le foto, per cui ho temuto seriamente di non farcela a partecipare al MTC di questo mese!!!
Invece eccomi qui con la mia crostata frangipane, un'altra sfida vinta, perchè questa è la mia prima prangipane,  e un'altra personale soddisfazione di avercela fatta!!! Questo per me è l'appuntamento mensile con l'MTC!!!

TORTA LIGHT FRANGIPANE ALLE MELE

Ho trovato una ricetta della  pasta frolla che non ha come ingredienti, nè il burro, nè lo zucchero, nè le uova!
Naturalmente ho voluto subito provarla, si fa un pò fatica a stendere ma il risultato mi ha proprio soddisfatto!



Per la pasta frolla: 
- 300 g di farina integrale Molino Chiavazza;
- 180 ml di succo di mela Store Valtellina;
- 4 cucchiai di olio di semi;
- sale.

 Per la crema frangipane:
- 100g di farina di mandorle;
- 100g di burro appena ammorbidito;
- 100g di zucchero semolato;
- 1 uovo;
- 30g di fecola di patate/maizena;
- 1 cucchiaio di succo di mela Store Valtellina.

- 1 mela renetta;
- gelatina di dolcetto Le Tamerici;
- gelatina per torte;
- 125  ml di succo di mela Store Valtellina;
- 125 ml di acqua.


Preparate la pasta frolla. Amalgamate la farina con l'olio e un pizzico di sale nella planetaria. Aggiungete a filo il succo di mela freddo e continuate ad impastare fino a che si formerà una palla di pasta.
Avvolgetela in un foglio di pellicola e fatela riposare in frigo per 30 minuti.

Preparate la crema frangipane. Montate il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema spumosa, aggiungete l'uovo leggermente sbattuto e il succo di mela  sempre lavorando con lo sbattitore, incorporate la farina di mandorle poco per volta e la fecola, continuando a montare.

Stendete la pasta frolla e rivestite lo stampo da crostate imburrato.
Sbucciate le mele, tagliatele a metà in senso verticale, privatele del torsolo, poi tagliatele e a fettine sottili senza premere fino in fondo, per mantenere la forma.
Spalmate con la gelatina di dolcetto il fondo della torta e disponete le mele al centro.
Riempite gli spazi vuoti della torta con la crema frangipane.
Cuocete in forno a 180 °C per 30 minuti circa.
Quando la torta si è raffreddata lucidate la superficie della crostata con della gelatina per torte preparata con 125 ml di succo di mela e 125 ml di acqua.




Con questa ricetta partecipo alla sfida MTC di aprile 


venerdì 27 aprile 2012

LASAGNETTE CON ASPARAGI E ROBIOLA

Oggi una ricetta veloce, ma molto gustosa e la presentazione di una nuova collaborazione l'azienda casearia MAURI.
Queste lasagnette fatte con una sfoglia spessa, ruvida e porosa di pasta all'uovo hanno esaltato al massimo i sapori degli ingredienti del condimento rendendo il piatto quanto mai gradito!!!

LASAGNETTE CON ASPARAGI E ROBIOLA

PIATTO CHS


Ingredienti:
- 180 g lasagnette caserecce;
- 150 g asparagi verdi;
- 100 g robiola di capra MAURI;
- 30 ml latte;
- 1 cucchiaio semi di sesamo;
- timo fresco (mio terrazzo);
- sale e pepe TEC-AL.

PIATTO CHS
Pulite gli asparagi e lessateli per 10 minuti. 
Frullate intanto la robiola con il latte, una manciata di timo e un po' di pepe. 
Separate le punte degli asparagi dai gambi e tagliate quest’ultimi a tocchetti. Cuocete la pasta al dente, scolatela, unite i tocchetti di asparagi e condite con la crema di robiola, i semi di sesamo tostati e terminate con le punte di asparagi.
Decorate con rametti di timo e a piacere spolverizzate con grana grattugiato.






Oggi ringrazio la gentilissima Mony del blog "Casa di Mony" che mi ha donato questo graditissimo premio:



Grazie!!!!!!!!



mercoledì 25 aprile 2012

GNOCCHETTI DI RICOTTA CON CARCIOFI


Un piatto gustoso e saporito che mi ha fatto conciliare con questo inizio settimana non proprio facile, a cominciare dal tempo che più incerto e altalenante di così non può essere!!!
Meno male che mercoledì è giorno di festa!!!!


GNOCCHETTI DI RICOTTA CON CARCIOFI





Ingredienti:
- 250 g ricotta;
- 60 g lardo di Arnad CIBI REALI;
- 1 uovo;
- 80 g farina + quella per infarinare;
- 70 g  parmigiano grattugiato;
- prezzemolo tritato;
- 2 carciofi;
- 5 fondi di carciofo;
- 1 limone;
- noce moscata;
- burro q.b.;
- olio evo DANTE;
- sale e pepe TEC-AL.





Tagliate il gambo dei carciofi ed eliminate le foglie esterne più dure. Privateli delle punte e arrotondate il fondo dei carciofi con un coltellino. Divideteli a metà, nel senso della lunghezza, eliminate l'eventuale fieno interno e riduceteli a spicchietti. Tuffateli man mano in una ciotola con acqua fredda acidulata con il succo di limone. Togliete ai fondi  di carciofo, con un coltellino, l'eventuale fieno interno e metteteli assieme ai carciofi a spicchi.
In una padella antiaderente (io PEDRINI) mettete  i fondi di carciofo, aggiungete l'olio, e un bicchiere di acqua. Chiudete con il coperchio e cuocete, girandoli ogni tanto, per una ventina di minuti. Aggiungete i carciofi a spicchi, richiudete con il coperchio e cuocete per 7-8 minuti. Scoperchiate, regolate di sale e pepe e proseguite la cottura per altri 5 minuti. Con una forchetta schiacciate i fondi di carciofo e rimettete i fondi schiacciati nella padella assieme ai carciofi a spicchi.
Rosolate per qualche istante il lardo tagliato a pezzettini con una noce di burro in un padellino antiaderente.
Trasferite il lardo in una ciotola e unite la ricotta, l'uovo leggermente sbattuto, la farina, il parmigiano, una generosa grattugiata di noce moscata, sale e pepe. Mescolate e create con le mani infarinate tanti gnocchetti grandi come noci.
Portate a ebollizione abbondante acqua nella pentola, salatela e cuocete gli gnocchetti per 2-3 minuti da quando salgono in superficie. 
Sgocciolateli e trasferiteli nella padella con i carciofi sotto la quale avrete riacceso il fuoco. Mescolate con delicatezza, spolverizzate con 1 cucchiaio di prezzemolo tritato e, a piacere, con parmigiano reggiano grattugiato.






Voglio ringraziare 2 amiche bloggers Edvige di "Memento Solonico" ed Emanuela di "Dall'odore al sapore",  che mi hanno donato un premio particolare che non può essere che graditissimo:





Voglio  lasciare questa simpatica coccinella a disposizione di tutti quelli che passano nel mio blog, un'augurio di buona fortuna penso, possa fare piacere a molti.....




lunedì 23 aprile 2012

TORTA SAINT HONORE'

Buon lunedì!!! Eccomi tornata nel blog!!!
Questa settimana la inizio postando questa buonissima torta preparata un po' di tempo fa per il compleanno del mio ragazzo, ma che non vi avevo ancora mostrato!
E' una torta un po' lunga da preparare, ma è buonissima e ti da molta soddisfazione!!!!

TORTA SAINT HONORE'



Per il Pan di Spagna:

- 6 uova;
- 180 g di zucchero;
- 75 g di farina setacciata;
- 75 g di fecola di patate;
- 1 bustina di vanillina;
- la buccia di 1/2 limone;
- sale.


Per i bignè:
 - 37 ml di acqua;
- 5 ml di latte;
- 33 gr di burro;
- 1 uovo;
- 35 gr di farina;
- pizzico di sale.

Per la crema pasticcera:
- 300 ml di latte;
- 90 g di zucchero semolato;
- 30 g di amido di mais;
- 3 tuorli;
- sale;
- 1 baccello di vaniglia.


Per la glassa:
- zucchero;
- acqua.


Per completare:
- 350 g di panna da montare;
- cacao.




Per preparare il Pan di Spagna, montate a lungo in una ciotola, lo zucchero con i tuorli e aggiungete la buccia del limone.
In un'altra ciotola montate a neve ben ferma gli albumi con un pizzico di sale.
Setacciate la farina con la fecola e la vanillina ed unitele all'impasto in piccole dosi, aggiungete infine delicatamente gli albumi.
Imburrate la tortiera e versatevi dentro il composto preparato e passate in forno preriscaldato a 180° C per 30 minuti circa.


Per preparare i bignè, versate l’acqua, il sale e il latte in un pentolino, aggiungete il burro tagliato a pezzetti e accendete il fuoco. Portate a bollore. 
Quando il burro sarà sciolto e l’acqua bollirà, aggiungete la farina tutta in una volta e mescolate con un cucchiaio di legno. Fate cuocere sul fuoco fino a quando il composto non si sarà asciugato un po’ e avrà formato sul fondo del pentolino una patina biancastra.  Toglietelo dal fuoco quando inizierete a sentire un intenso profumo di burro cotto.
A questo punto trasferire tutto in una ciotola. Fate raffreddare l’impasto continuando a mescolare, dopodichè aggiungete l'uovo.
Trasferite tutto in una sac a poche (io quella usa e getta Tescomae modellate i vostri bignè su una teglia imburrata. Cuocete in forno a 200 °C per 12 minuti, dopodiché continuate la cottura per altri 20-25 minuti

Per preparare la crema pasticcera, fate bollire il latte con il sale e i semi della vaniglia.
Montate in una ciotola, con la frusta i tuorli con lo zucchero, poi aggiungete l'amido di mais e mescolate bene.
Aggiungete il latte passato attraverso un colino e mescolate ancora per evitare che grumi. 
Infine rimettete tutto sul fuoco moderatissimo, e sempre mescolando,  lasciate sobbollire per un paio di minuti finché la crema non si addensa.


Unite la panna montata alla crema e, con una parte, farcite i bignè.
Preparate la glassa sciogliendo lo zucchero e l'acqua fino ad ottenere uno sciroppo denso e coprite i bignè, lasciando solidificare la glassa.
Con un coltello, dividete il Pan di Spagna in due dischi dello stesso spessore.
Distribuite uno strato di crema pasticcera su un disco e coprite con il secondo.
Adagiatevi sopra a corona i bignè, dividete in due parti la crema rimasta e a una parte aggiungete il cacao.
Decorate infine la torta distribuendo a file alterne le due creme a ciuffetti con una tasca da pasticcere (io quella usa e getta Tescoma) munita di bocchetta a stella.





Con questa ricetta partecipo alla raccolta "L'albero goloso" del blog "Dolcizie......le mie dolci delizie!"



giovedì 19 aprile 2012

TORTA DI PATATE, CIPOLLOTTI E ASPARAGI

Mi sono messa d'impegno ....... vorrei mangiare meno carne e privilegiare le verdure, tanto più che la natura in questo periodo ci offre il meglio!!!
Diventa facile unire le varie verdure di stagione e creare interessanti armonie  che possono cambiare di volta in volta per proporre sempre qualcosa di nuovo e gradevole!!!

TORTA DI PATATE, CIPOLLOTTI E ASPARAGI





Ingredienti:
- 700 g patate;
- 250 g cipollotti;
- 350 g asparagi bianchi;
- 3 uova;
- 100 g grana grattugiato;
- 20 g burro;
- 3 cucchiai di pesto;
- pangrattato;
- 1 pomodoro;
- sale e pepe TEC-AL.




Lessate le patate e passatele nello schiacciapatate, versatele in una ciotola, unite le uova, i cipollotti e gli asparagi lessati e tagliati a pezzetti (mettete da parte alcune punte di asparagi per la decorazione), il pesto, 70 g di grana grattugiato, il sale e il pepe e amalgamate il tutto.
Foderate una pirofila con la carta da forno (bagnata e strizzata), cospargetela con il pangrattato e versateci il composto. Cospargete la superficie con un poco di pangrattato e il grana rimanente.
Decorate con le punte di asparagi tenute da parte e il pomodoro tagliato a spicchi. Unite qualche fiocchetto di burro e infornate a 180°C per 25-30 minuti.





Con questa ricetta partecipo alla Piccola Bottega di Campagna di Aprile del blog "Il gattoghiotto"






Non sarò presente nel blog per qualche giorno, quindi vi augurò già un buon week end!!!
Alla prossima settimana!!!!!